Logo del comune di Cerano

Vai al contenuto principale

Vai al menù di navigazione per aree tematiche

Vai al menù di navigazione istituzionale


Modulo di ricerca

Menù di navigazione "Aree tematiche"

In questo momento ti trovi in:

Monumenti e Palazzi Storici

parrocchia1.jpg18,92 kbChiesa parrocchiale natività di Maria Vergine

L'attuale chiesa è stata costruita presumibilmente nel XV secolo, come indica la formella in cotto sulla parete esterna di destra dell'edificio, in cui è riportata la data 1449.
Nel corso del XVII secolo viene ristrutturata con l'apporto di alcune modifiche come l'elevazione del campanile a 45 m e la costruzione della cupola.
Il 5 giugno 1873 per iniziativa del parroco don Marchetti e su progetto di Ercole Marietti iniziano i lavori di prolungamento della cheisa che terminano nel 1880 con la nuova facciata di stile rinascimentale ricca di medaglioni, frontoni e merlata di statue e balaustre. Le statue in cotto sono cinque e rappresentano:La Madonna, S. Giovanni, S.Giuseppe, S.Rocco e il Beato Pacifico.
La chiesa è a tre navate, a croce latina, sormontata da una cupola ricca di stucchi del seicento, i capitelli e le cornici sono di ordine corinzio. Il fianco destro all'esterno è unito al tempietto del Beato.
La chiesa presenta le seguenti dimensioni:lunghezza m.60.15, larghezza m.21.50.
Sopra l'altare si trova la famosa pala del 1595,opera giovanile di Giovan Battista Crespi detto il Cerano, raffigurante "L'ultima cena".


Chiesa di San Pietro

Situata nei pressi del cimitero sulla strada che porta al Ticino, la chiesa di San Pietro è un edificio a tre navate di quattro campate ciascuna, con transetto e tiburio gotici: l'impianto originale, nonostante gli interventi di epoca barocca e neoclassica, è rimasto pressoché inalterato. L'edificazione della chiesa risale probabilmente alla fine del XII secolo o all'inizio del XIII, dal momento che nel 1347 è già nominata come beneficio di un Tornielli. La chiesa nel XVI secolo subisce un declino: pertanto il vescovo Serbelloni ne affida la tutela alla Confraternita della Visitazione, la quale dà incarico di eseguire degli affreschi, ormai degradati, sulla facciata. All'interno le navate laterali hanno volte a crociera nervata, i pilastri sono in cotto. Di pregio l'icona cinquecentesca posta sull'altare maggiore raffigurante la Vergine che allatta il Bambino; particolarmente interessante e degno di nota è l'affresco raffigurante Diogene che reca una fascia con l'iscrizione "Expello".

 


convento.jpg22,40 kbConvento francescano di S. Martino

Per quanto riguarda la presenza dei frati francescani, sappiamo che sono stati richiamati a Cerano nel 1880, dopo che avevano avuto una presenza significativa in paese dal 1483 fino all'inizio dell'ottocento per promuovere il culto in onore del Beato Pacifico.
I Francescani acquistano la chiesa di S. Martino e un nuovo convento viene costruito ex novo su progetto dell'architetto galliatese don Ercole Marietti.
La chiesa è collegata al convento mediante un corridoio pensile a cavalcavia. In questo convento, sede di studi ginnasiali e teologici della provincia francescana di S. Diego, studia e nel 1892 celebra la prima messa il sacerdote francescano di Galliate Beato Giuseppe Gambaro martirizzato in Cina nel 1900.
Nel corso della prima guerra mondiale viene requisito per usi militari e nel 1918 i frati lo abbandonano definitivamente asportando gli arredi tra cui il coro ligneo della chiesa, tuttora in opera nel convento di Ornavasso e l'altare marmoreo traportato nella chiesa del sobborgo novarese di Veveri.


TEATRO.jpg21,48 kbTeatro

Nell'angolo tra piazza Libertà e via Castello è rimasta la facciata di un antico teatro settecentesco la cui proprietà è di dubbia attribuzione. Infatti è incerto se sia appartenuto alla famiglia Bellini o Tornielli.


Chiesa e ospitale di San Dionigi

Questa chiesa, di cui è stata da poco riportata alla luce la facciata con nicchie, è stata chiusa e trasformata in albergo intorno al 1859. Collegato ad essa c'era l'ospitale di S. Dionigi fondato dal sac.ceranese Marchisio nel 1237 perchè accogliesse religiosi di passaggio e chiunque di povere condizioni chiedesse ricovero per la notte.
Proprio in un parte dell'ospitale abitò Raffaele Crespi, il pittore padre del più famoso Giovan Battista.

Monumenti e palazzi storici

fontanabeato[1].jpg18,89 kbFontana del Beato

La fontana del Beato Pacifico ubicata nella piazza della chiesa parrocchiale, venne costruita nel 1903 su iniziativa di Mons. Marchetti in ringraziamento della cessata epidemia aftosa.
E' opera dello scultore Antonio Franzi di Viggiù


monsmarchetti[1].jpg23,45 kbMonumento a Mons. Marchetti

Mons. Marchetti è certamente uno dei personaggi che hanno fatto la storia di Cerano per le importanti opere realizzate in campo civile e religioso. Nasce a Novara l'11 luglio 1829, viene ordinato sacerdote il 1 ottobre 1853. Nominato parroco di cerano il 3 ottobre 1867, il 4 ottobre 1903 viene insignito del titolo di Monsignore Cameriere d'onore di Pio X. Muore il 18 novembre 1905. In sua memoria i ceranesi eressero il monumento nel 1908.
Inizialmente posto dietro la chiesa in via XX settembre, fu successivamente collocato nel piazziale antistante la chiesa di S,Pietro, al termine del viale da lui realizzato.


Palazzo Gallarati Scotti

Il palazzo del duca Gallarati Scotti, di cui rimangono alcune parti in piazza G.B.Crespi e in via Scotti, è stato sicuramente una delle costruzioni più interessanti del nostro paese.
Aveva l'ingresso e la facciata principale verso la piazza della chiesa parrocchiale, un ampio giardino si estendeva fino a via Borghetto, mentre le scuderie erano poste lungo l'attuale via G.Matteotti.
Oggi si può notare una torre merlata e qualche salone è ancora dotato di mastodontici ed artistici camini. Del palazzo fece parte anche la chiesetta dedicata alla "Concessione" posta lateralmente alla chiesa parrocchiale ed attualmente adibita a locale per il banco di beneficenza.


Casa Langhi (Castello)

Lungo l'omonima via sorgeva il castello che nei secoli successivi lascò il posto alla palazzina della Casa Langhi e Bazzetta.
Questo edificio fu poi utilizzato come scuola elementare con relativo collegio dalle Suore Giuseppine di Novara ed in seguito come riseria. Nella casa c'è ancora la Cappella autorizzata come Oratorio da Papa Pio VI con bolla pontificia del 1792 e confermato da Papa Pio VII il 7 dicembre 1804.
Alcuni locali conservano interessanti affreschi, mentre nel picccolo giardino sono sopravissute alcune piante secolari.


Palazzo Obicini

LL'attuale palazzo comunale era in origine di proprietà del Signor Lorenzo Obici di Milano che lo usò come abitazione fino al 1888 quando fu acquistato dal Comune di Cerano. L'edificio delle scuole elementari era invece adibito nei tempi passati ad una filanda; costruita nel 1830 si distinse per la qualità del prodotto.


Palazzo Tornielli

Il palazzo posto tra via A. di Dio e via Tornielli è una elegante e sobria costruzione del 700.
All'interno si può ancora ammirare il porticato con colonne di granito e la maestosa scala che porta ai piani superiori.
Al piano terra c'è la cappella che fu autorizzata al culto nel 1726 ed arricchita da una Via Crucis nel 1764.


Casa Mercalli

Il palazzo, posto tra le attuali via Filanda e via A. di Dio, è sorto nella prima metà dell'ottocento e consta di un cortile circondato da un porticato e da numerosi locali in cui si produceva e lavorava la seta. Gli addetti al lavoro erano circa 200.


Monumento ai caduti

E' opera del cav. Prof. E. Tardini di Novara .
La posa della prima pietra è del 15 luglio 1923 e fu benedetta dal Curato don Carlo Bussola.
L'inaugurazione è del 16 settembre 1923: oratore ufficiale è stato l'On. Aldo Rossini di Novara: In quella occasione, ai piedi del monumento, fu celebrata una Santa Messa al campo dal parrocco di Cerano don. Michele Merlino.


Menù di navigazione dei servizi del Comune

Amministrazione Trasparente

Comunicazioni Istituzionali

Organi Comunali

Uffici Comunali

Servizi comunali

Documenti

Sportello Unico Digitale Edilizia

News

Scheda del Comune

Manifestazioni

Tempo Libero

AUDITORIUM SALA CRESPI E ARENA ESTIVA

Calendario eventi e manifestazioni

Informatore Ceranese

Informazioni

Ambiente

Photogallery


Contatti e Crediti